Tu sei qui

Crema fritta

Una ricetta tradizionale proveniente da diverse regioni italiane e può essere servita sia come antipasto che come dessert. La crema fritta marchigiana, così come quella emiliano-romagnola, è solitamente presentata come componente di una frittura mista nella quale troviamo anche verdure e olive all'ascolana. In Veneto, invece, molto diffusa soprattutto a Venezia e Verona, si gusta come dolce e viene servita a fine pasto, principalmente nel periodo di Natale o di Carnevale.
Dessert o antipasto... a te la scelta, di sicuro non ne rimarrà neanche un pezzo!
20min
maia.it

Ingredienti

Dosi per la crema pasticciera
4 tuorli d'uova fresche grandi Maia
500 g latte
40 g amido di mais
100 g zucchero
1 cucchiaino estratto di vaniglia

Per la panatura
1 uovo fresco grande Maia
Pan grattato q.b.
latte q.b.
Olio di semi q.b.

Preparazione

  1. 1

    Versa il latte in pentolino e fallo riscaldare a fiamma dolce. Da parte lavora i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema bianca e spumosa, aggiungi l’amido e amalgama anch’esso al composto di uova.

  2. 2

    Quando il latte avrà raggiunto il bollore versa il composto di uova e mescola di continuo con una frusta a mano e finché non otterrai una crema densa.
    A questo punto spegni la fiamma e aggiungi il cucchiaino di estratto. Amalgama il tutto e riponi la crema in una pirofila rettangolare. Livella bene la crema e lascia raffreddare completamente senza coprire con la pellicola. In questo modo non si formerà l’umidità.

  3. 3

    Versa ora abbondante olio in una padella dai bordi alti e fai riscaldare sul fuoco a fiamma moderata.
    In una ciotola, sbatti l’uovo assieme ad un po’ di latte. Taglia una striscia di crema e ricavane dei cubetti. Passa i cubetti di crema prima nel pangrattato, poi nell’uovo sbattuto e nuovamente nel pangrattato.

  4. 4

    Friggi un paio di minuti per lato e adagia la crema fritta in un piatto rivestito di carta assorbente. Servila calda con una spolverata di zucchero a velo!